Sala di Amore e Psiche. Quarto livelloLuca Signorelli, Madonna con il Bambino e i Santi Pietro, Paolo, Bernardo e Stefano, 1523. Castel Sant'AngeloStufetta di Clemente VII. Terzo livelloSala di Perseo, particolare del soffitto ligneo. Quarto livelloSala Paolina. Quarto livelloSala di Perseo, particolare del fregio con dame e liocorni. Quarto livelloPellegrino Tibaldi, L'arcangelo Michele, particolare della decorazione affrescata della Sala Paolina. Quarto livello

  Visita il Castello>> Terzo livello

SALA DELLA GIUSTIZIA

La grande figura alata affrescata sulla parete di fondo della sala - evidentemente 'tagliata' nella parte superiore a significare un posteriore abbassamento del soffitto - Ŕ stata interpretata tanto quale angelo, che lascerebbe supporre un adattamento a cappella dell'ambiente, quanto come rappresentazione allegorica della giustizia, perfettamente plausibile all'interno di un ambiente adibito a tribunale. Ed Ŕ questa - come testimoniato dalla denominazione Sala della Giustizia - l'identificazione comunemente accettata, suffragata anche dai numerosi processi - conclusi spesso con irrevocabili sentenze di morte - celebrati all'interno del castello: tra gli altri, sono giudicati i due umanisti Pomponio Leto e Platina, accusati arbitrariamente di un complotto per rovesciare l'autoritÓ pontificia; la sfortunata Beatrice Cenci, la cui storia ispira poeti e letterati da Shelley a Stendhal; il filosofo Giordano Bruno, bruciato sul rogo in Campo de' Fiori sotto il pontificato di Clemente VIII.


Sala di Giustizia

Sala di Giustizia


Torna alla pagina precedente