Sala di Amore e Psiche. Quarto livelloLuca Signorelli, Madonna con il Bambino e i Santi Pietro, Paolo, Bernardo e Stefano, 1523. Castel Sant'AngeloStufetta di Clemente VII. Terzo livelloSala di Perseo, particolare del soffitto ligneo. Quarto livelloSala Paolina. Quarto livelloSala di Perseo, particolare del fregio con dame e liocorni. Quarto livelloPellegrino Tibaldi, L'arcangelo Michele, particolare della decorazione affrescata della Sala Paolina. Quarto livello

  Il Castello e la sua storia >> Il Medioevo

BONIFACIO IX (1389 - 1404) E LA NUOVA VITA DEL CASTELLO

Nel 1378 la guarnigione francese lasciata a presidio del Castello da Urbano V - il penultimo pontefice della cattività avignonese - testa l'ultimo ritrovato della tecnica bellica: il cannone. Lo testa sulla vicina Civitas Leonina, sparando bordate che distruggono strade e caseggiati. Per i romani è la goccia che fa traboccare il vaso. Dopo aver assediato il Castello - costringendo la guarnigione francese ad arrendersi per fame - riversano tutta la loro rabbia sul vecchio sepolcro di Adriano: vengono strappati pavimenti e rivestimenti parietali, colonne e stucchi sono fatti a pezzi, non si lascia traccia delle antiche decorazioni. La popolazione inferocita non riesce a raderlo al suolo come vorrebbe, ma lo riduce ad una rovina.
La rinascita ha inizio con papa Bonifacio IX: già nel 1395 inizia lo sgombero delle macerie prodotte dall'attacco della popolazione. L'architetto militare Niccolò Lamberti - su incarico del pontefice - attua quindi una serie di interventi volti a potenziare la struttura difensiva del castello: grazie all'abbattimento dei muri radiali situati alla base del corpo cilindrico viene ricavato ampio corridoio circolare interno, il cosiddetto ambulacro di Bonifacio IX; vengono chiusi il grande atrio romano di accesso e la rampa elicoidale, mentre è aggiunto un nuovo tratto alla rampa diametrale in modo da consentire un accesso alla Sala delle Urne; si provvede ad aprire un nuovo ingresso a metà altezza della mole cilindrica raggiungibile solamente attraverso una rampa di accesso ed un ponte levatoio; sulla sommità dell'edificio viene ricostruita la cappella dedicata a San Michele arcangelo.









Torna alla pagina precedente